Tutti in miniera! Al Parco di S. Silvestro con bambini

Formazione Crisocolla
Il Parco archeominerario di S. Silvestro a Campiglia Marittima è stato per la nostra famiglia una grande sorpresa. All’interno della Val di Cornia questo parco si estende per 450 ettari e racconta la storia della miniera e la vita dei minatori.

Capitati lì per caso, ci è piaciuto tantissimo!

Noi abbiamo scelto la visita completa: visita del museo, visita della Miniera del Temperino e il percorso del trenino fino alla Valle Lanzi.

Curiosità: con l’acquisto di un biglietto famiglia si ottiene la ParcheoCard che dà diritto al 50% di sconto sull’acquisto di un biglietto famiglia per altri parchi della Val di Cornia, senza limiti di tempo (Parco di Baratti e Populonia e Museo archeologico di Populonia).

Una guida molto cortese e preparata ci ha fatto indossare il casco di protezione e una volta coperti per bene (la temperatura non supera i 14°… tanto freddo!) siamo entrati nella montagna.

I boys erano eccitati di indossare l’elmetto come dei veri minatori.

La visita alla Miniera del Temperino si snoda in un percorso sotterraneo di 360 metri e permette la scoperta dei luoghi di escavazione del periodo etrusco e moderno. Dentro la galleria abbiamo ammirato i pozzi di origine etrusca e tutte le varie tipologie di scavo che hanno interessato l’area.

Abbiamo visto molte formazioni rocciose tra cui quella azzurra di crisocolla (da non toccare, mi raccomando), tanti minerali e dopo circa 30 minuti siamo usciti dalla montagna.

Ci siamo avviati verso la stazione del trenino, passando davanti alle macchine minerarie che erano usate in passato e davanti all’ascensore Earle che serviva per portare i carrelli su e giù dai sei livelli della Miniera.

Pochissimo più avanti ci sono il magazzino/spogliatoio dei minatori, dove è proiettato un film sulla vita dei minatori. E’ stato parecchio emozionante scoprire attraverso i pannelli esplicativi, un pezzo di vita di questi minatori.

Qui c’è la stazione del trenino e una volta saliti sulle carrozze gialle si entra in un’altra miniera e si fa un viaggio di circa 25 minuti. Spettacolare è stato il percorso sul trenino nella galleria Lanzi-Temperino. Anche qui le spiegazioni sono state esaurienti; addirittura commovente il momento in cui il treno si ferma nell’oscurità totale ed è letta una breve poesia di un minatore che lavorò in quelle gallerie.

Il viaggio in trenino è la parte più caratteristica del tour. Abbiamo fatto una sosta alla valle dei Lanzi, dove si vede una cava di estrazione di calcare tuttora funzionante. Con il trenino abbiamo percorso una strada panoramica d’interesse naturalistico che ripercorre il tracciato di una vecchia ferrovia mineraria costruita all’inizio del XX secolo.

Curiosità: I Lanzi erano minatori del Tirolo attivi nella zona della Val di Cornia a metà del XVI secolo.

Da qui c’è la partenza per la Rocca di San Silvestro, villaggio minerario medievale abitato per più di 300 anni da minatori e fonditori. Qui i minatori vivevano in piccole casupole di roccia circondate da muri oltre i quali si trovavano i primi forni per la lavorazione del materiale estratto.

Il sentiero per raggiungere la Rocca dura circa 1 ora e mezzo e per noi era troppo impegnativo per cui non l’abbiamo fatto.

Con il trenino siamo ritornati alla stazione di partenza e da lì con una veloce camminata abbiamo raggiunto il parcheggio.
I boys sono rimasti entusiasti e noi anche, grazie alle guide super brave che ci hanno coinvolto e risposto a ogni tipo di domanda.

Si è rivelata una visita affascinante e sorprendente. Nessuno di noi aveva mai visto il duro lavoro dei minatori.

Assolutamente consigliato trascorrere un’intera giornata nel parco.

Buon divertimento,

Francesca

 

 

 

 

   

2 Commenti

  1. Quando vedo luoghi belli come questi, non lontani da casa mia (io sono di Prato) e che ancora non conosco faccio letteralmente i salti di gioia! Anche se non ho bambini, sono certa che mi piacerà moltissimo!

    • Certo Letizia che ti piacerà tantissimo. Miniere e formazioni rocciose appassionano grandi e piccini.Anzi, senza bambini puoi anche salire alla Rocca di San Silvestro. Buona visita. Grazie e a presto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*