Come viaggiare spesso con famiglia e con un lavoro full time

Come facciamo a viaggiare in quattro con un lavoro full time?

Questa è una domanda che mi è posta spesso. Vi svelo i trucchi che utilizzo con i miei tre boys, premesso che riguarda chi ha un impiego da lunedì a venerdì e chi lavora vicino a casa.

SFRUTTARE TUTTE LE FESTIVITÀ. Cerchiamo di attaccare qualche giorno alle festività nazionali prenotando in anticipo (questa regola vale sempre!). Ad esempio per il 2020 possiamo contare già una decina di giorni di vacanza attaccate ai giorni festivi. Se riusciamo a rientrare al lavoro il 7 gennaio 2020, abbiamo già i primi 6 giorni dell’anno da sfruttare (avendo prenotato almeno 6 mesi fa!). Poi c’è Pasqua (12 aprile) che potrebbe permetterci di avere 3 o 4 giorni di ferie. A fine aprile possiamo prendere dei giorni per attaccarli al ponte dell’1 maggio che cade di venerdì. Subito dopo il 2 giugno è martedì. Se riusciamo a prendere lunedì 1 giugno, possiamo fare una mini vacanza di 4 giorni (30 e 31 maggio, 1 e 2 giugno). Abbiamo poi il Santo Patrono che potrebbe essere attaccato a un week end. In totale sono già 10 giorni.

Mi rendo conto che in questo modo ci troviamo a viaggiare nei periodi di maggior afflusso e più costosi, soprattutto per una famiglia di 4 persone come la nostra, ma se prenotiamo con tanto anticipo, possiamo trovare il modo di risparmiare. Questo ci permetterà di vedere un altro pezzetto di mondo e di viaggiare spesso.

FARE LUNGHI WEEKEND. Questa è la soluzione che preferisco, sia perché è la più economica per noi, sia perché c’è poco caos. Poter scegliere un qualsiasi week end dell’anno e attaccare due giorni sono un grande lusso per noi. Solitamente in mesi come gennaio o febbraio troviamo pochissima gente in giro ed è molto piacevole vedere posti nuovi. Non ci spaventano né il freddo né le giornate corte. Inoltre, in questo modo, possiamo decidere all’ultimo momento dove andare senza dover prenotare mesi prima.

FARE PICCOLI VIAGGI SPESSO.  Con i boys cerchiamo sempre di andare via un week end il mese. Che sia per curiosare in un museo della nostra regione o che sia per fare un po’ di chilometri in più, cerchiamo di andare via almeno una fine settimana il mese, ogni mese dell’anno. Per noi è facile perché abitiamo in Toscana e siamo circondati da meraviglie dal punto di vista culturale, artistico, gastronomico, paesaggistico. Abbiamo veramente l’imbarazzo della scelta sulla meta. Non dobbiamo per forza prendere un aereo per viaggiare! Riuscire ad andare via spesso porterà dei benefici sul vostro lavoro. Queste piccole fughe sono una boccata di ossigeno e vi permettono di tornare al lavoro più felici, pensando già alla meta successiva.

VIAGGI VICINO CASA. Vicino a dove abitiamo ci sono tesori nascosti che neanche immaginiamo. Iscriviamoci alle newsletter del nostro comune, provincia, associazioni dei musei, eventi per famiglie in modo da poter essere aggiornati su ciò che di bello c’è vicino a noi. Io abito in Toscana e vi assicuro che ci sono mille posti ancora da vedere e che non conosco. Recentemente ho scoperto il Parco Archeominerario di Campiglia Marittima, dove i boys si sono divertiti un sacco a esplorare la miniera con il caschetto! Consiglio inoltre di studiare gli itinerari per turisti della propria città o dei posti vicino a noi e vi accorgerete di quante curiosità ci sono da vedere.

UN WEEK END AL MESE. Con i boys cerchiamo sempre di andare via un week end il mese. Andiamo a vedere un borgo antico, un museo, un parco, un fiume, un lago o una città. Abbiamo così tanto da vedere in Italia che abbiamo l’imbarazzo della scelta. La regola che ho imposto (w la democrazia) è di andare via almeno un fine settimana il mese, ogni mese dell’anno da gennaio a dicembre.

PROGRAMMI VELOCI. Io e mio marito abbiamo un passato nei boys scout e questo ci ha permesso di essere molto pratici, soprattutto negli spostamenti, negli alloggi durante i viaggi e dello zaino da fare (noi viaggiamo solo con quello). Ci adattiamo facilmente e velocemente. La meta per la fuga del week end è decisa il martedì o mercoledì della settimana della partenza; cercando la destinazione tra quelle segnate sul mio quaderno dove scrivo tutti i luoghi che mi piacerebbe visitare. A quel punto ci mettiamo alla ricerca di una sistemazione per dormire perché siamo in 4 e una camera quadrupla non è facilissimo trovarla. Da lì butto giù un programma di massima delle cose da vedere che poi è modificato in itinere, sulla base della stanchezza dei boys, del tempo e della voglia. Preparo i 4 zainetti e in mezzora si parte!

Viaggiate, scoprite, esplorate con i vostri bambini. Vedere il mondo con i loro occhi è una gioia immensa.

Avete qualche consiglio per riuscire a viaggiare più spesso, con un lavoro e una famiglia?

Grazie per aver letto fin qui.

A presto

Francesca

“Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di dicembre 2019 indetto dal blog Trippando

Ti potrebbe anche interessare

5 scuse per NON viaggiare con i bambini

Viaggiare con bambini con solo il bagaglio a mano

Viaggio in auto con bambini: 8 consigli per sopravvivere

 

Le nostre valigie erano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo molta strada da fare. Ma non importava, la strada è la vita.   (Jack Kerouac)

14 Commenti

  1. conosco tante famiglie che ogni due settimane riescono a mettersi in viaggio nonostante gli impegni di lavoro io non so davvero come facciano ma i tuoi consigli sono un ottimo spunto pure per me

    • Io ho concordato un week end al mese per ogni mese dell’anno. I miei uomini non sono entusiasti ma l’anno scorso ci sono riuscita scoprendo dei posti insoliti e pieni di sorprese. Vediamo se riesco anche quest’anno! Grazie

    • Cara Cristina, io sono già alle prese con i voli di agosto e con tutti i ponti del 2020. In casa mi dicono che sono fissata ma siamo 4 ed è tutto costoso. Grazie!

    • Allora Annalisa ci saremo viste in autostrada! Ho scoperto per caso il Parco delle Sculture del Chianti di cui mi sono innamorata oppure il Parco Archeominerario di Campiglia Marittima. La nostra regione offre davvero tanto. Siamo fortunate. Grazie

  2. Condivido pienamente, una delle cose che abbiamo imparato viaggiando con il nostro bimbo fin dai primi mesi è l’adattamento e la praticità! Meno stress più viaggi 😉

    • Sono sempre combattuta dal fatto che i miei figli non abbiano così tanta voglia di muoversi. Ma sono convinta che c’è troppo mondo da vedere (anche la villa medicea a due passi da casa!) e la vita troppo breve! Grazie.

  3. Per il momento siamo in due, ma quando avremo dei bimbi sarà super divertente organizzare dei viaggetti con loro. Grazie per questi utilissimi consigli!

    • Allora viaggia tanto mentre siete ancora in due! Noi per fortuna l’abbiamo fatto (altri tempi, zaino in spalla e via!) e ammetto che viaggiando adesso in 4 è costosissimo. Cerchiamo sempre di adottare tutte le nostre misure low cost (panini pranzo e cena, prenotazioni almento 6 mesi prima etc.) ma comunque è tutto caro.

  4. Questo è un dilemma che vivo anche io, ti capisco bene! Ho segnato tutte le tue indicazioni. Siamo sempre portati a pensare che i viaggi sono solo quelli dove prendi un aereo e sei lontano chilometri da casa. In realtà, anche un fine settimana vicino casa può lasciarti tanto!

    • Davvero Sara! Io ho scoperto per caso il Parco delle Sculture del Chianti a 1 ora da casa e sono rimasta stupefatta da questa meraviglia. Basta partire e vincere la pigrizia (io sono la regina del letto!). Grazie!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*