Ritorno a scuola: 8 consigli da mamma per prepararsi al meglio

Con molto piacere lunedì prossimo anche in Toscana si ritorna a scuola e per prepararsi al meglio a questo rientro, sto seguendo questi suggerimenti molto utili con i miei figli:

1.    Ristabilire la routine familiare

Iniziamo a ritornare lentamente alla routine familiare prima delle vacanze. Durante l’estate andiamo a dormire tardi. Le giornate sono lunghe, gli amici sono fuori a giocare e anche i nostri bambini si divertono con loro. Ora che l’estate è finalmente finita, assicuriamoci che i bambini vadano a letto al solito orario di quando vanno a scuola. Accompagniamoli nella loro stanza, leggiamo la loro storia preferita, concediamoli una tazza di latte caldo. Mettiamo la sveglia al consueto orario per prepararsi in tempo per la scuola. Questo renderà meno traumatico il risveglio e il primo giorno di scuola. Se ci svegliamo tutti presto, pian piano i bambini riescono a entrare nella routine familiare e saranno pronti per il primo giorno di scuola. Questo eviterà un risveglio traumatico proprio il giorno del rientro.

2.    Fare un’ottima colazione

La colazione è molto importante perché dopo numerose ore di digiuno abbiamo tutti bisogno di energia per affrontare una nuova giornata. Assicuriamoci che la colazione sia abbondante e varia. A metà mattina prepariamo una merenda leggera, che sarà poi la stessa che metteremo nello zaino della scuola. Questo per far sì che poi a pranzo i bambini abbiano un buon appetito.

3.    Finire i compiti

Cerchiamo di assicurarsi di aver terminato tutti i compiti per le vacanze. Sarebbe meglio farli gradualmente e suddividerli nei tre mesi di vacanza. Se invece abbiamo ancora pagine da completare o libri da leggere, cerchiamo di stare accanto ai nostri bambini per aiutarli in questo sprint finale e per assicurarci che siano finiti.

4. Ridurre il tempo alla televisione

In estate i bambini trascorrono più tempo alla televisione o con gli ipad. Cerchiamo di ridurre gradualmente il tempo passato davanti allo schermo spiegando che a breve inizierà la scuola e di conseguenza tutte le divertenti attività extra scolastiche. I bambini inoltre non dovrebbero trascorrere più di 2 ore il giorno (tempo massimo!) davanti alla tv o altri schermi. Spieghiamoli quanto sia importante la moderazione, il rispetto degli orari e degli impegni familiari.

5. Parliamo della scuola

Iniziamo a parlare del rientro a scuola enfatizzando solo gli aspetti positivi: rivedere tutti i compagni e i maestri, raccontare le proprie vacanze, entrare nella propria classe, utilizzare le matite e i pennarelli nuovi, partecipare alle attività ludiche etc. Facciamo raccontare dai bambini cosa si aspettano e le loro emozioni. E se non hanno voglia di raccontare non forziamoli. Aspettiamo un altro momento per tornare sull’argomento.

Parliamo di quanto sono stati bravi lo scorso anno: alla recita, alle lezioni aperte di ginnastica, basket etc., i compiti con bei voti, la pagella di fine anno con il giudizio dei maestri. Se sono a portata di mano, riprendiamo i quaderni dello scorso anno e leggiamoli insieme per rivedere i progressi e per rilevare quanto sono stati bravi.

6. Parliamo delle nostre emozioni

Condividiamo con i nostri figli le nostre emozioni positive. Se siete mamme ansiose come me, meglio tenere per noi la nostra agitazione. Il ritorno a scuola è stressante per tutti.

Noi genitori dobbiamo cercare di avere un atteggiamento positivo e rilassato, proponendo attività di svago divertenti prima della scuola, per continuare a stare insieme ventiquattro ore il giorno come si faceva in vacanza. Se i bambini dimostrano ansia e sofferenza per il rientro a scuola, cerchiamo di farci raccontare cosa provano e cosa sentono in quel momento. Diamo importanza ai loro sentimenti e raccontiamo come ci sentivamo al nostro rientro a scuola quando avevamo la loro età.

7. Prepariamoci in tempo

Coinvolgiamo i bambini nella preparazione di tutto il materiale scolastico: diventeranno più autonomi e responsabili delle loro cose. Spieghiamo l’importanza di tutto l’occorrente acquistato facendo mettere l’etichetta con il nome.

Assicuriamoci che il grembiule sia pulito e stirato e che lo zaino sia riempito con il materiale scolastico, la bottiglia dell’acqua riempita e l’astuccio per le posate.

Qualche giorno prima del rientro, sarebbe carino passare davanti alla scuola per familiarizzare con l’edificio, il giardino e gli spazi comuni.

8. Accompagnarli a scuola

Almeno il primo giorno, se possibile, accompagniamo i nostri bambini a scuola. E’ molto importante per i bambini sapere che noi ci siamo, che il babbo e la mamma vogliono essere presenti con loro e per loro. Insomma, tutti e quattro andiamo a scuola insieme. E se sono emozionati, confidiamo che lo siamo anche noi.

E voi avete qualche suggerimento che vi ha aiutato con il rientro a scuola dei vostri bambini?

A presto,

Francesca

 

Quest’anno per la maestra c’è una classe nuova e un cambio di creature e vocali, e sarà una festa anche per i banchi che aspettano i bambini come rami aperti che attendono tante farfalle colorate.
(Fabrizio Caramagna)

 

 

 

 

 

 

 

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*